Login   |   Registrati
Indietro

Soirée Française, è l'omaggio dell'Opera di Roma a Serge Lifar e Roland Petit

Danza
Luogo
Teatro dell'Opera di Roma - Teatro Costanzi
Roma (RM)
Quando
22/01/2018
Genere
Danza
Soirée Française, è l'omaggio dell'Opera di Roma a Serge Lifar e Roland Petit
da domenica 28 gennaio a sabato 3 febbraio 2018 al Teatro Costanzi - Roma

Soirée Française, è “un grande omaggio alla coreografia francese del Novecento", ha dichiarato il Sovrintendente Carlo Fuortes durante la conferenza stampa che si è tenuta oggi presso la Sala Grigia del Teatro Costanzi, presentando il doppio programma dedicato a due icone del panorama ballettistico francese e mondiale: Serge Lifar con Suite en blanc (1943) e Roland Petit con Pink Floyd Ballet (1972).

Lo spettacolo con il Balletto del Teatro dell’Opera di Roma diretto da Eleonora Abbagnato andrà in scena al Teatro dell’Opera di Roma da domenica 28 gennaio a sabato 3 febbraio 2018, e per i giovani anche venerdì 26 gennaio nell’anteprima con ingresso “Vietato ai maggiori di 26 anni”.

Invitati a riallestire i due titoli sono due protagonisti di spicco della scena internazionale: Claude Bessy per Suite en blanc e Luigi Bonino per Pink Floyd Ballet.

Lo spettacolo del Teatro Costanzi è abbinato alla mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains, in corso al MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma di Via Nizza, e grazie a un accordo con la Concert Productions International B.V. e l’Azienda Speciale Palaexpo sarà possibile avere uno sconto per i due eventi: tutti coloro che presenteranno il biglietto dello spettacolo Soirée Française alla biglietteria del MACRO avranno diritto al biglietto ridotto della mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains; e tutti coloro che presenteranno il biglietto della mostra alla biglietteria del Teatro Costanzi avranno diritto a uno sconto del 10% allo spettacolo Soirée Française

Serge Lifar (1905-1986), ballerino e coreografo, scrittore e illustratore di diversi libri sulla danza, inizia la sua carriera in seno ai Ballets Russes dove Diaghilev gli concede l’opportunità di realizzare la sua prima coreografia, Renard. È il 1929, anno in cui balla e crea all’Opéra di Parigi Les créatures de Prométhée. L’Opéra di Parigi diventa per lui un punto di riferimento: è qui primo ballerino, Maître de Ballet e fervido rinnovatore. Attivo su più fronti, svolge un ruolo fondamentale nell’evoluzione della danza e nell’attrarre a teatro un pubblico sempre più numeroso. Nella tradizione francese dopo Lifar, il rinnovamento passa attraverso un’altra figura chiave, il geniale Roland Petit (1924 – 2011). Entrambi legati all’Opéra di Parigi, entrambi instancabili creatori di nuove coreografie, entrambi affascinati dall’icona della danza francese e internazionale Yvette Chauviré, alla quale il Teatro dell’Opera di Roma con questo programma vuole dedicare un omaggio in bianco, luminoso come la sua danza sublime. Per la première sarà l’étoile Eleonora Abbagnato a ballare l’Adage di Suite en blanc per ricordare la stella delle stelle.

La serata si apre con la poesia di Suite en blanc, uno dei pochi balletti non narrativi di Lifar, precedentemente rappresentato al Teatro Costanzi nel 1950 e nel 1972. Il coreografo afferma che nel comporre questo capolavoro si è concentrato esclusivamente sulla danza pura, indipendentemente da ogni altra considerazione, animato dalla volontà di creare delle belle visioni. Il risultato è una successione di frammenti coreografici autonomi, tuttavia accomunati tra loro dal medesimo stile neoclassico.

A chiudere il programma sono invece il carattere e la fisicità di Pink Floyd Ballet, un cult di Roland Petit creato su suggerimento della figlia Valentine, che al suo debutto al Palais des Sports di Marsiglia nel novembre del 1972 ha visto gli stessi Pink Floyd suonare la loro musica dal vivo. Il balletto fa il giro del mondo, modificandosi nel corso delle riprese, sino ad approdare al Teatro dell’Opera di Roma nel 2015 nell’ambito della stagione estiva alle Terme di Caracalla. L’energia e la potenza evocativa di Pink Floyd Ballet si sprigionano adesso per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Costanzi, in una serie di quadri, di immagini indelebili, dove la danza si fonde con le note psichedeliche di brani da The Dark Side of the Moon, Meddle, Relics, Obscured by Clouds. Elemento centrale della coreografia sono gli splendidi effetti speciali firmati da Jean-Michel Désiré, che rivestono di luce la scena e i corpi dei ballerini, avvolti tutti in eleganti calzamaglie di colore bianco.

La musica di Édouard Lalo è eseguita dall’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, diretta dal Maestro Carlo Donadio. Le musiche dei Pink Floyd per Pink Floyd Ballet sono su base registrata.




Soirée Française


Suite en blanc
Musica di Édouard Lalo
Estratti da Namouna

Direttore Carlo Donadio
Coreografia Serge Lifar
Ripresa da Claude Bessy
Luci Jean-Michel Désiré

Interpreti principali
Eleonora Abbagnato 28 gennaio, 3 febbraio (20.00) / Alessandra Amato 30 gennaio, 1 febbraio

Pink Floyd Ballet
Musiche (su base registrata) The Pink Floyd

Balletto di Roland Petit
Ripreso da Luigi Bonino
Ripetitrice Gillian Whittingham
Luci Jean-Michel Désiré

Interpreti principali
Susanna Salvi
Claudio Cocino
Alessio Rezza

Orchestra, Étoile, Primi Ballerini, Solisti e Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma

Allestimento del Teatro dell’Opera di Roma


Teatro Costanzi

Prima rappresentazione domenica 28 gennaio ore 20.00; repliche martedì 30 gennaio ore 20.00; giovedì 1 febbraio ore 20.00; sabato 3 febbraio ore 15.00 e ore 20.00.
Anteprima giovani venerdì 26 gennaio ore 19.00.


Per Informazioni: operaroma.it



Contatti

Infoline:

Sito web: www.operaroma.it

Email: n.d.