Ultime Notizie



Le coreografie di Claudio Meloni 'accenderanno' il Capodanno capitolino con La Fura dels Baus



Luogo:Circo Massimo
Roma (RM)
Data:30/12/2017
Genere:Danza
Le coreografie di Claudio Meloni 'accenderanno' il Capodanno capitolino con La Fura dels Baus

Il poliedrico artista italiano, il Maestro Claudio Meloni, da molti anni residente in Spagna, sarà il coreografo del magnificente spettacolo inscenato da La Fura dels Baus al Circo Massimo in occasione del Capodanno romano.

di Matteo Trombacco




Arte, intesa come libera attività umana che ha il potere di cambiare il mondo, di elevare lo spirito, di mostrare la vita da altri, e più alti, punti di vista, di far riflettere... e, proprio per questo, talvolta trascurata, messa da parte, svilita. Arte, ancòra, che diviene momento di crescita per una città intera, per una società abituata a quella Grande Bellezza che spesso, troppo spesso, diviene celebrazione del kitsch, del dozzinale.

È in questo Circo (Massimo) che si muove, in punta di piedi, il Maestro Claudio Meloni, ballerino, regista, coreografo, performer ed attore di fama internazionale che da qualche anno ha scelto, come propria casa, la città di Marbella, in Spagna. E da dove è stato chiamato come Coreografo associato e organizzatore artistico generale dello spettacolo inscenato dalla compagnia teatrale catalana de La Fura dels Baus al Circo Massimo in occasione del Capodanno capitolino: “Quest'anno – ha spiegato il Maestro, attualmente docente presso La Creative Dance Studio della città spagnola – l'Amministrazione comunale ha deciso di dare spazio non al 'solito' concertone, ma alle magnificenti performance de La Fura dels Baus.”

Compagnia fondata nel 1979 a Barcellona, La Fura dels Baus è un Gruppo di teatro urbano che svolge le proprie performance su palcoscenici di dimensioni enormi: “La compagnia catalana – spiega Meloni – punta molto sul grande impatto visivo, ed infatti ecco le grandi strutture, le grandi scenografie, le grandi esibizioni e le grandi altezze che, di fatto, danno vita anche a grandi prove di eroismo, di coraggio. Per noi partecipare a questo spettacolo è una grande soddisfazione: avremo artisti provenienti da tutt'Italia, tra cui le mie due amiche Eika Ferrari e Sara Bertuzzi, due performer parmensi eccezionali che avevo già avuto modo di conoscere qualche anno fa".

Non ancora un definitivo rientro in Italia, per il Maestro Meloni – Transfugo? Confinato? Ostracizzato? - che divide la propria vita tra Spagna, Italia e Londra, e che nel nostro Paese torna spesso per lavoro, com'è accaduto quest'estate, quando si è occupato della regia e della coreografia di The look of the year: “Sono stato contattato dalla produzione dello spettacolo, con la quale avevo già collaborato – spiega il Maestro Meloni –, e mi è stato chiesto di occuparmi della ricerca delle 80 comparse italiane che domenica affiancheranno i performer spagnoli de La Fura. No, non è ancora il mio ritorno in Italia, dove peraltro sono spesso, dividendomi tra Spagna e Londra... Per ora ho ancora bisogno di restare all'estero, di mettermi alla prova con un Paese ed una lingua differenti...”

Uno spettacolo, quello del Circo Massimo, di caratura internazionale, adeguato alla magnificenza (spesso dimenticata) di Roma: uno spettacolo che entrerà nelle case di tutti gli italiani attraverso la televisione... Già, la televisione... Ma cosa ne pensa il Maestro, che oltre ai palcoscenici ha calcato per anni gli studi di RAI e Mediaset, della Cattiva maestra televisione? “L'arte – risponde Meloni – può ancòra trovare posto nella televisione, quantomeno all'interno dei canali tematici. Il vero problema è che, ormai da qualche anno, la cosiddetta televisione generalista ha drasticamente abbassato il livello culturale ed artistico all'interno dei propri palinsesti, prediligendo un'arte di 'facile fruizione'. Intrattenimento che va benissimo, ma che dovrebbe essere 'riempito di contenuti': Walter Chiari, Gigi Proietti, Dario Fo... loro sì, che erano grandi artisti che 'producevano' cultura ed arte. Ora, invece, le ballerine vestite con abiti succinti danno un messaggio diverso, trasformando l'arte della danza in qualcosa di molto più... terra-terra”.

Appuntamento, quindi, a domenica sera, 31 dicembre 2017, al Circo Massimo di Roma per assistere allo spettacolo dell'anno!