Le Nostre Iniziative

L'HISTOIRE DE MANON -




Valida dal 10/11/2015

Teatro alla Scala con Amici della Scala



“Prima delle Prime - Balletto”

Stagione 2014/2015


L’HISTOIRE DE MANON
di Kenneth MacMillan


RIDOTTO DEI PALCHI “A. TOSCANINI”
MARTEDI 10 NOVEMBRE 2015, ORE 18

Patrizia Veroli
Gestualità e virtuosismo:
la costruzione del personaggio secondo MacMillan



A suggellare la Stagione di Balletto 2014-2015, torna in scena dal 12 al 20 novembre un titolo classico ma assolutamente moderno nella sua teatralità, il giusto punto d’incontro tra musica, passione, verità interpretativa e fonte letteraria. É L’histoire de Manon di Kenneth MacMillan, che ha dato nuova vita a quel personaggio, creato da Prévost nel romanzo settecentesco Histoire du chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut e diventato popolare grazie al melodramma, delineando il fascino e la tragedia della protagonista, creando splendidi ruoli maschili in un balletto appassionante e coinvolgente sul piano drammatico, psicologico e coreografico. Manon fu creata nel 1974, tre anni dopo Anastasia, e prima di Mayerling e Isadora. MacMillan era affascinato da personaggi storici, dal loro mondo e dai loro conflitti interiori

Cosi Patrizia Veroli: “Manon è uno dei capolavori del coreografo inglese Kenneth MacMillan (1929-1992). Partecipe della tradizionale sensibilità della scuola e del pubblico britannici verso la pantomima, questo coreografo predilesse i balletti a intera serata, perché gli permettevano di meglio esplicitare le problematiche psicologiche che volle sempre portare in teatro, e ciò anche in anni in cui questo era tutt’altro che apprezzato dai critici e dal pubblico. In un impianto tradizionale, in cui le sequenze danzate si alternano a sequenze di pantomima, MacMillan sa declinare quest’ultima nella musica, mentre riesce a impregnare la danza di espressività esasperando le linee, impostando sequenze a terra, spingendo i suoi interpreti a vivere fino in fondo il personaggio.”

Studiosa e storica della danza e del balletto, curatrice di mostre soprattutto sulla danza del ’900 e autrice di diversi volumi, il più recente dei quali è I Ballets Russes di Diaghilev tra storia e mito, che ha curato col musicologo Gianfranco Vinay per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Patrizia Veroli illustrerà con estratti video dei diversi momenti del balletto, come MacMillan, attraverso gestualità e virtuosismo, ha proceduto nella costruzione dei personaggi.



Ingresso libero fino ad esaurimento posti


­­
Messaggi - Contatti - Calendario - Opzioni - Logout
Copyright © 2014 - tutti i diritti riservati