Festival e Eventi



LA STRADA FESTIVAL INTERNAZIONALE

> XI EDIZIONE

Luogo:Brescia (BS)
Quando:Dal 08/06/2018 al 17/06/2018
Genere:Varie
C.L.A.P.Spettacolodalvivo
presenta

LA STRADA FESTIVAL INTERNAZIONALE

XI EDIZIONE
8 -9 -10 e 15-16-17 GIUGNO 2018, BRESCIA

con spettacoli di circo contemporaneo, danza, teatro e musica per le vie e le strade del centro storico
Tutti gli spettacoli per le vie del centro storico sono gratuiti.



Oggi a Brescia è stata presentata l’XI edizione de La Strada Festival: la rassegna di circo contemporaneo, musica, teatro e danza urbani, organizzata da più di 10 anni da C.L.A.P.Spettacolodalvivo, ospita artisti da tutto il mondo nel centro storico di Brescia e in Castello durante il secondo e il terzo fine settimana di giugno. Per l’edizione 2018, presenterà 38 spettacoli di 23 compagnie provenienti da 10 diversi Paesi, in 6 giorni.

In programma, tre giorni di spettacoli non-stop dal pomeriggio alla tarda serata, da venerdì 8 a domenica 10 giugno, per le vie del centro. Nel fine settimana dal 15 al 17 giugno, artisti internazionali si esibiranno nella meravigliosa cornice del Castello.

La Strada Festival è un’iniziativa organizzata dal Circuito Ministeriale Multidisciplinare per la Lombardia, C.L.A.P.Spettacolodalvivo, in collaborazione con il Comune di Brescia.

NELLA FOTO SOPRA IL TITOLO: Sina Saberi, ph George Stylianou



LA DANZA


La Strada presenta alcune rilevanti proposte di danza contemporanea, grazie ad alcuni focus.

Il primo è il Focus Young Mediterranean and Middle East Choreographers, frutto di una collaborazione interregionale tra diverse realtà con l’obiettivo di creare una tournée per alcuni coreografi provenienti dal Medio Oriente (come già avvenuto nel 2017). Il progetto è sostenuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero degli Affari Esteri, in collaborazione con La Francia in Scena, stagione artistica dell'Institut français Italia, realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell'Institut français, del Ministère de la Culture e della Fondazione Nuovi Mecenati.
La Strada ospiterà di nuovo il danzatore libanese Bassam Abou Diab - questa volta con As I remember, in Prima Nazionale: un tuffo nei rituali della società libanese, in particolare della comunità drusa. Inoltre, per la prima volta, arriva a Brescia l’artista iraniano Sina Saberi (Prelude to Persian Mysteries) in Prima Regionale: uno studio su come potrebbe essere la danza persiana oggi, a 40 anni dalla Rivoluzione iraniana.

Il secondo focus sarà incentrato sulla danza come punto di partenza per una possibile comunicazione tra sordi e udenti (By the Hand, di Fattoria Vittadini). La performance è l’esito del secondo anno del percorso laboratoriale “Comunic-Azione” curato da Cesare Benedetti e Pieradolfo Ciulli, danzatori professionisti e segnanti LIS che hanno creato una serie di workshop che utilizza esclusivamente il linguaggio coreografico per mettere in comunicazione sordi e udenti.

Nel terzo focus la compagnia milanese Fattoria Vittadini presenterà, ancora in Prima Nazionale, Cedi la strada agli alberi, un site specific ideato appositamente per essere presentato nel contesto urbano, tra le bellezze naturali e architettoniche del nostro Paese. La pièce ha vinto il bando Danza Urbana XL 2017, l’azione è promossa dal network di operatori “Anticorpi XL”, composto da 35 operatori di 15 diverse regioni italiane.



SCHEDE SPETTACOLI


VENERDI’ 8 GIUGNO 2018

AS I REMEMBER
BASSAM ABOU DIAB - Libano
Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers
8 giugno, ore 21.30, Largo Formentone
PRIMA NAZIONALE

di e con Bassam Abou Diab
musiche Samah Tarabay, Hadi Kordab, Iyad Ayas

Una performance teatrale che riflette sui rituali di morte e nascita nella società libanese e, più in particolare, nella comunità drusa. Introduce lo spettatore al vocabolario linguistico e musicale associato a questi rituali, trasformandoli in uno stile teatrale che ripropone eventi sociali tradizionali.


Una delle credenze più importanti nella comunità drusa è quella legata alla reincarnazione: la trasmissione dell'anima da un corpo all'altro dopo la morte. Ciò significa che dopo ogni morte, c'è sempre una nuova vita come se fosse un movimento circolare all'interno di un cerchio spirituale permanente.


Questo movimento ricorda quello che riguarda i pianeti, le stelle e la terra ed è proprio su questo che si basano i movimenti di danza che costituiscono la parte principale della coreografia.

Bassam Abou Diab è un giovane coreografo libanese. Ha collaborato per molti anni con Omar Rajeh / Maqamat. Nel 2010 e 2011 ha partecipato al programma di training intensivo di danza Takween, dove ha lavorato con coreografi come Marcel Leemann, Emilyn Claid, Thierry Smith, Luc Dunberry, Marco Cantalupo, Anani Dodji Sanouvi, Radhouane El Meddeb, Jens Bjerregard, Kristina De Chatelle, Damien Jalet and Franceso Scavetta. Bassam ha anche recitato in molte opere teatrali in Libano con registi quali Ossama Halal, Rouaida al Ghali, Badih Abou Chakra e Malek Andary.


SABATO 9 GIUGNO 2018


BY THE HAND
FATTORIA VITTADINI - Italia
Focus Comunic-Azione
9 giugno, ore 17.45, Piazza Loggia


Da un’idea di Cesare Benedetti e Pieradolfo Ciulli
Con Matteo Pedrazzi, Paola Alghisi, Chiara Bini, Bianca Gumina, Laura Delai, Gisella Berardi, Marta Lanzanova, Alessandra Angelini, Cristina Baglioni
Produzione Fattoria Vittadini
Con il supporto di ENS (Ente Nazionale Sordi) - sezione provinciale Brescia e Fondazione Comunità Bresciana

“By the Hand” è il risultato di alcuni incontri laboratoriali: durante il workshop, giunto alla sua seconda edizione, il linguaggio della danza e del teatro fisico hanno permesso alla comunità sorda e a quella udente di incontrarsi e lavorare insieme alla creazione di un linguaggio espressivo comune. I partecipanti, che si esibiscono in questa performance, sono stati invitati a non utilizzare le proprie dinamiche comunicative usuali. Hanno quindi creato oggetti, paesaggi, situazioni ed energia grazie al corpo e alle mani, senza l’uso della parola.



PRELUDE TO PERSIAN MYSTERIES
SINA SABERI - Iran
Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers
9 giugno, ore 21.30, Largo Formentone
PRIMA REGIONALE



Ideazione artistica, coreografia e interpretazione Sina Saberi
Musiche Ali Akbar Moradi, Keyhan Kalhor, Farbod Maeen
Costumi Reza Nadimi
Disegno luci Ali Kouzehgar
Produzione MaHa Collective, Iran


Il punto di partenza era la necessità di muoversi. “Persian Mysteries” è un progetto di ricerca che va alla ricerca di possibili percorsi tra un passato invisibile e un presente frammentato. Si basa sulla musica tradizionale persiana, sugli antichi rituali persiani dell'era zoroastriana e sulle nozioni spirituali del libro di Avesta. Cerca di scoprire come potrebbe essere oggi la danza persiana contemporanea a partire dal vuoto di 40 anni nell'esistenza di questa forma d'arte in Iran. "Persian Mysteries" ha la forma di un rituale e costituisce la prima fase di un progetto in divenire.

Questa creazione è stata presentata per la prima volta a Teheran nel marzo 2016 come una delle opere del primo festival iraniano "Body Movement", avviato dal collettivo di artisti MaHa, e successivamente a Beirut all'interno di Moultaqa Leymoun/Arab dance platform 2016. A questo sono seguite numerose repliche in altri paesi.
Sina Saberi entra in scena accendendo le candele una per una, poi scompare nel buio. Quando torna alla luce, è rannicchiato sulla schiena. Poi si dispiega lentamente e inizia a ballare. Cerca quindi di appropriarsi dello spazio, sempre più ampiamente, sempre più rapidamente, in movimenti vicini a una strana preghiera, accompagnati da crepitii e musica persiana. In questo misterioso assolo, cerca un percorso tra un passato invisibile, fatto di musica tradizionale persiana e di rituali dell'era zoroastriana (che era la religione dell'Iran fino alla sua islamizzazione, nel settimo secolo) e un oggi frammentato, ferito, dal momento che la danza persiana è stata bandita nel suo paese per quaranta anni. Intende riconnettersi con un passato ricco, in parte oscurato dopo il 1979, e la rivoluzione iraniana, per esplorare il movimento e il corpo di oggi.



DOMENICA 10 GIUGNO 2018


CEDI LA STRADA AGLI ALBERI
FATTORIA VITTADINI - Italia
Focus Danza Urbana XL
10 giugno, ore 18.00, Largo Formentone
PRIMA NAZIONALE


coreografo Pieradolfo Ciulli
interpreti Olimpia Fortuni e Pieradolfo Ciulli
produzione Fattoria Vittadini

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane,
che ama gli alberi e riconosce il vento.
Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione.
Attenzione a chi cade, al sole che nasce, e che muore, ai ragazzi che crescono,
attenzione anche a un semplice lampione, a un muro scrostato.
Oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, rallentare più che accelerare,
significa dare valore al silenzio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza.
Franco Arminio

“Cedi la strada agli alberi” è un’improvvisazione strutturata che si lascia ispirare dalla poesia da cui prende il titolo. Il lavoro è pensato ogni volta in uno spazio diverso, un site specific che valorizza il luogo danzante. Lavorando da diversi anni insieme sulla composizione istantanea, i due danzatori sviluppano un forte ascolto sulla relazione e lo spazio con l’obiettivo di dare ogni volta respiro e vita ai posti che le città offrono per riportare la bellezza della natura, il silenzio e la cura.
Mantenendo una qualità di movimento che è il risultato di una ricerca individuale continua, i danzatori hanno, come unico punto fermo, il testo della poesia e la musica, per poi lasciarsi
trasformare in base all’influenza che pubblico e luogo suggeriscono.



PROGRAMMA COMPLETO LA STRADA FESTIVAL 2018

8 giugno

19.30 Brindisi con la musica dei Village H – L.go Formentone
21.30 “As I remember”, Bassam Abou Diab – L.go Formentone PRIMA NAZIONALE
22.00 “Afuma”, C.ia Afuma – P.zza Loggia PRIMA NAZIONALE
23.00 “Concerto” Lou Tapage - P.zza Rovetta

9 giugno

15.30 “Biblioteca vivente”, La fionda – P.zza Loggia (su prenotazione)
15.30 “E beh or Pulcinella”, Teatro Matita – Mo.Ca PRIMA REGIONALE
16.00 “Deux secondes!”, La compagnie du Petit Monsieur – Mo.Ca PRIMA REGIONALE
16.30 “E beh or Pulcinella”, Teatro Matita – Mo.Ca
16.00/18.00 “Miti e leggende”, Centopercentoteatro/Danzarte – P.zza Vittoria
17.15 “Et pourtant…”, Duo Beloraj – P.zza Loggia PRIMA REGIONALE
17.45 “By the hand”, Fattoria Vittadini – P.zza Loggia
18.00 “The Strange Comedy Show”, Strange Comedy – P.zza Loggia
18.30 “E beh or Pulcinella”, Teatro Matita –P.zza Loggia
19.00 “Clown spaventati panettieri”, Collettivo Clown - Chiostro San Giovanni
21.00 “Et pourtant…”, Duo Beloraj – P.zza Loggia
21.30 “Prelude to Persian Mysteries”, Sina Saberi - L.go Formentone PRIMA REGIONALE
22.00 “The Strange Comedy Show”, Strange Comedy – P.zza Loggia
22.30 “Deux secondes!”, La compagnie du Petit Monsieur – P.zza Loggia
23.15 “Concerto” Fantomatik Orchestra – P.zza Rovetta


10 giugno

15.00 “Luogo di meraviglie”, Centopercentoteatro/Danzarte – P.zza Loggia
15.45 “Concerto” Wednesday Jazz Band – P.zza Loggia
Dalle 16.00 “Gran teatro dentro”, Fausto Barile – itinerante
16.00 “The Strange Comedy Show”, Strange Comedy - spazio libreria Rinascita
16.30 “MeMix”, Claudio Levati - Piazza Loggia
17.00 “Floydissey”, Centopercentoteatro/Danzarte – P.zza Vittoria
17.15 “Che ora è”, Teatro Necessario – Mo.Ca. PRIMA REGIONALE
17.30 “Et pourtant…”, Duo Beloraj – Mo.Ca
18.00 “Cedi la strada agli alberi”, Fattoria Vittadini – L.go Formentone PRIMA NAZIONALE
18.15 “Che ora è”, Teatro Necessario –Mo.Ca. (parata fino al Chiostro)
19.00 “The loser”, Matteo Galbusera – Chiostro San Giovanni
21.30 “The Strange Comedy Show”, Strange Comedy – P.zza Loggia
22.00 “Et pourtant…”, Duo Beloraj – L.go Formentone
22.30 “Deux secondes!”, La compagnie du Petit Monsieur - P.zza Loggia
23.00 “Concerto” Cidnewski Kapelye – P.zza Rovetta

IN CASTELLO

15 e 16 giugno
21.30 “Naufragata”, Circo Zoè

17 giugno
21.30 “Silencis”, Claire Ducreux PRIMA REGIONALE
22.15 “Panni sporchi”, Rasoterra



PREZZI
Tutti gli spettacoli per le vie del centro storico sono gratuiti.
Al Chiostro San Giovanni: ingresso unico 3€
In Castello: intero 10€, ridotto* 8€
*Ridotto per Under 16, Over 65, tesserati Spazio Danzarte
I biglietti si possono acquistare online su www.lastrada.claps.lombardia.it, oppure
presso l’Infopoint in Largo Formentone (8 – 9 – 10 giugno), presso il Mo.Ca (15.00-18.00 dall’11 al 17 giugno), in Castello da un’ora prima dello spettacolo.


CONTATTI
info@claps.lombardia.it - www.claps.lombardia.it - www.lastrada.claps.lombardia.it
Tel. +39 030 8084751 - Siamo su Facebook, Twitter e Instagram.
Nei giorni del festival i nostri Infopoint saranno in Largo Formentone, Piazza Loggia e Piazza Vittoria. Dalla fine del mese di maggio, un infopoint fisso è ubicato al Mo.Ca (Via Moretto 78).


STAFF
Direzione Artistica: Luisa Cuttini, Mario Gumina
Coordinamento: Andrea Spagnoli, Ermanno Nardi
Project manager: Mara Serina
Ufficio stampa: Emanuela Giovannelli
Comunicazione: Alessandro Acerbi
Amministrazione: Cesare Benedetti, Maura Di Vietri
Segreteria: Paola Mazzardi
Stagista: Roberta Gusmini
Direzione tecnica: Matteo Rubagotti

Un ringraziamento agli “Stradini”: Nicola Franceschini, Maddalena Bugatti, Alessandra Canini, Helga Caruso, Silvia Caviggia, Chiara Cervati, Sara Gasparrini, Valentina Giaretta, Bianca Gumina, Arianna Lucchi, Abigail Ntim, Simona Quartosi, Eleonora Sempreboni, Emmanuele Zorat.
Stagisti (alternanza scuola – lavoro): Alice Corioni, Alessia Peli, Martina Pellizzari, Simona Reccagni, Sara Simonetti, Mrinal Sharma

Si ringraziano: Guardian Angels Brescia




I NUMERI DE LA STRADA 2018

6 giorni di festival
2 fine settimana
8 luoghi di spettacolo
Più di 40 ore di spettacolo
3 Prime Nazionali
6 Prime Regionali
140 artisti, di 10 diversi Paesi
23 compagnie di cui:
• 5 di clownerie (Petit Monsieur, Strange Comedy, Collettivo Clown, Claudio Levati, Matteo Galbusera)
• 5 ensemble musicali (Village H, Lou Tapage, Fantomatik Orchestra, Wednesday Jazz Band, Cidnewski Kapelye)
• 3 compagnie di danza (Bassam Abou Diab, Fattoria Vittadini, Sina Saberi)
• 2 di acrobatica (Centopercento Teatro/Danzarte, Duo Beloraj)
• 1 di teatro di figura (marionette: Teatro Matita)
• 3 di circo contemporaneo (Circo Zoè, Claire Ducreux, Rasoterra)
• 4 performance (Afuma, Teatro Necessario, Fausto Barile, La Fionda)

12 persone dello staff
15 volontari (gli “stradini”)



Prezzi biglietti:

Posto Prezzo