Festival e Eventi



A PALAZZO SI DANZA

> Progetto inserito negli eventi de La Via Zamboni

Luogo:Palazzo Magnani e Palazzo Poggi
Via Zamboni
Bologna (BO)
Quando:29/04/2018
Genere:Danza





A PALAZZO SI DANZA

29 aprile 2018 – Bologna
Palazzo Magnani e Palazzo Poggi


Progetto inserito negli eventi de La Via Zamboni
promossi dal Comune di Bologna e da Alma Mater Studiorum - Università di Bologna



ore 18.00 Palazzo Magnani – via Zamboni 20 
ore 19.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 
ore 20.15 Palazzo Magnani - via Zamboni 20 
ore 21.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 
ingresso gratuito su prenotazione: clicca qui

VEDI IL PROGRAMMA IN FONDO DOPO IL COMUNICATO STAMPA


“A Palazzo si Danza”! E’ così che Bologna celebra la Giornata Internazionale della Danza il 29 aprile, aprendo le porte di due palazzi storici di via Zamboni: Palazzo Magnani e Palazzo Poggi, animandoli con cultura, gioventù ed espressioni artistiche del territorio.

Il progetto, ideato da Vittoria Cappelli e Monica Ratti ed a cura dell’Associazione Culturale Avvertenze Generali, è inserito nel programma ‘La via Zamboni’ promosso e sostenuto dal Comune di Bologna e da Alma Mater Studiorum - Università di Bologna.
L’iniziativa si avvale del sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e di UniCredit, in quanto parte di una serie di attività realizzate nell’ambito del progetto artistico della Quadreria di Palazzo Magnani.


  Aterballetto in LEGO - passo a due - coreografia Giueseppe Spota - ph.Nadir Bonazzi  

Lo spirito del progetto, immaginato dalle due creative veterane del mondo della Danza, parte dall’idea di abitare artisticamente ‘La Via Zamboni’, luogo impregnato di storia, simbolo di un’identità bolognese radicata nel tempo. E’ su questo leitmotiv che la scelta della maggior parte dei 25 artisti coinvolti è caduta sul talento delle giovani risorse umane generate dalla terra dell’Emilia Romagna, a partire dall’Aterballetto, storica compagnia di bandiera della regione, la più importante a livello nazionale, riconosciuta in tutto il mondo.

Tra tutti gli artisti coinvolti, cominciamo col citare la danzatrice e coreografa di Reggio Emilia Federica Galimberti, che da anni lavora per la E.sperimenti Dance Company, spumeggiante e ironico ensemble che attraversa gli stili più diversi spaziando dal breakin' al contemporaneo, dal modern al floorwork, dal teatrodanza all’acrobatica, apprezzato anche all’estero nei suoi tour internazionali.


  E.sperimenti Dance Company - Federica Galimberti in Per...Inciso ph Davide Lena

A seguire, da Modena, Alessio Vanzini, coreografo emergente di danza contemporanea, formatosi con i più conosciuti artisti della Danza, oltre che docente presso i più importanti centri professionali di formazione, di recente è stato invitato ad insegnare presso l’Accademia di Danza di Pechino.


  Alessio Vanzini

Tra gli artisti emiliano romagnoli coinvolti c’è anche uno straordinario performer faentino, Marco KIRA Cristoferi, breaker di fama nazionale e internazionale, membro delle crew più conosciute, uno tra i tre vincitori dell’Italia’s Got Talent 2017 e di prestigiosi street contest esteri, porta le sue capacità fisiche di ballerino e atleta circense, che spaziano dalla break dance al parkour alla ruota Cyr, ad un livello di espressione in cui l’arte e la poetica diventano la profonda essenza coreografica del suo fare spettacolo. L’ultimo suo lavoro è stato a Bruxelles per lo Schiaccianoci del coreografo Giuliano Peparini.


  Marco KIRA Cristoferi, ph. Davide Cocchi

E ancora, Marco Dalia, giovane danzatore riminese di classico e contemporaneo, che ha danzato con importanti compagnie estere ed è conosciuto ai più per la sua partecipazione a due edizioni della trasmissione Amici 2013 e 2015, arriva direttamente da Tel Aviv, dove balla con l’Israelian Ballet, per regalarci una coreografia originale appositamente creata per l’evento.


  Marco Dalia, Israel Ballet

Sempre da Modena arriva Benedetta Terracciano, giovane promessa, che approda all’arte coreutica dalla ginnastica artistica, vincendo numerosi concorsi nazionali. Nel 2017 conquista il premio della categoria contemporanea del Gran Prix di Pechino.


  Vittoria Markov, ph. Karen Di Paola


  Vanessa Guidolin

Sono, invece, venete le due danzatrici e la coreografa di molte delle creazioni di questo composito progetto: Vittoria Markov che, reduce dal musical Romeo e Giulietta – Ama e Cambia il Mondo, prodotto da David Zard e diretto da Giuliano Peparini, si è imposta al grande pubblico per la sua grinta e la sua determinazione che hanno animato accese discussioni durante la sua partecipazione ad Amici 2017; Vanessa Guidolin, danzatrice della Compagnia Raffaele Paganini e Ritmi Sotterranei di Alessia Gatta, anche lei conosciuta per la sua partecipazione alla trasmissione Amici 2014-15; e Simonetta Vaccara Reynaud, prima danzatrice formatasi coi grandi della danza e ora coreografa di classico e neoclassico di livello internazionale e fondatrice del centro di formazione professionale Artedanza, premiata e apprezzata per i grandi meriti artistici da professionisti di caratura quali Robert Strajner, collaboratore di Rudolf Nureyev, Margherita Smirnova, prima ballerina del Bolshoi, Frederic Olivieri, Direttore del Ballo della Scala di Milano, Carla Fracci, Luciana Savignano e Raffaele Paganini, le nostre grandi étoiles.


  Simonetta Vaccara Reynaud



  Anime di Terra, coreografia di Simonetta Vaccara, ph. Fabio Gianardi  

Infine, Fabio Martini di Sanremo, danzatore e coreografo, giovane promessa, notato da Vittoria Cappelli e Monica Ratti, vincitore di vari concorsi nazionali e a cui è stata assegnata una borsa di studio per collaborare alla creazione del coreografo freelance londinese Luke Brown per l’Università di Winchester.


  Fabio Martini e Andrea Cristina Carbone ne Il Corvo, coreografia di Fabio Martini

Ecco, perciò, come la Danza, protagonista della scena, vada ad esaltare, con il suo movimento elegante, ritmico, energico, vitale, la scultorea storicità degli antichi edifici bolognesi, Palazzo Magnani, nato alla fine del XVI secolo, da tempo sede di UniCredit a Bologna, che ospita la Quadreria, al centro oggi di un progetto artistico promosso dalla Fondazione del Monte e da UniCredit e Palazzo Poggi, sede della Biblioteca e di vari Musei Universitari oltre che di una celebre Quadreria. L’inquadratura fissa delle prestigiose sale prenderà vita con quattro spettacoli, due per ogni Palazzo, a partire dalle ore 18, per terminare dopo le ore 22, secondo il seguente programma:

ore 18.00 Palazzo Magnani – via Zamboni 20 - durata 50 minuti
ore 19.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 - durata 40 minuti – solo posti in piedi
ore 20.15 Palazzo Magnani - via Zamboni 20 - durata 50 minuti
ore 21.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 - durata 40 minuti – solo posti in piedi


In conclusione, il progetto artistico si sviluppa in una rete composita di eventi-danza che si esprimono con quattro spettacoli, dodici coreografie di cui sette originali, due compagnie, 25 danzatori.

INGRESSO GRATUITO SU PRENOTAZIONE: CLICCA QUI


NELLA FOTO SOPRA IL TITOLO: Giulia Candiotto in Solidao, coreografia di Simonetta Vaccara, ph. Fabio Gianardi


PROGRAMMA PALAZZO MAGNANI

ore 18.00 Palazzo Magnani – via Zamboni 20 
ore 20.15 Palazzo Magnani - via Zamboni 20 


Per celebrare la Giornata Internazionale della Danza dedichiamo questo spettacolo alle Donne.
Sono loro che danno la Vita, in tutti i sensi: mettono al mondo e donano la propria vita per un grande amore o come estremo sacrificio. Senza di loro non c’è speranza di trasformazione e di rinascita. Nel tempo, e ancora oggi, vituperate, offese, violate, martirizzate o isolate per ammirarle, idolatrarle, santificarle. Ma le Donne, divise tra desiderio di autorivelazione e necessità di autocensura, che hanno spesso spezzato il silenzio in cui può essere rinchiusa un’esistenza per svelare sentimenti universali e per sperare di modificare il proprio destino, vogliono solo essere amate. Ed ecco che da quel desiderio di rapporto appassionato, se ricambiato, nasce la felicità.

Cortile

RAJA'S DREAM
Coreografia e Interpretazione Marco KIRA Cristoferi
Musiche Comptine d’un autre étée e La Noyée di Yan Tiersen

Quanto è necessario nei rapporti umani e sentimentali riuscire ad affrontare le ansie, le paure, attraversarle per rinascere, segnati ma più forti, con la consapevolezza di aver attinto alle proprie capacità per superare quell’ostacolo che è solo una porta chiusa da aprire. La paura è tutta lì, sulla maniglia da girare. Dietro, ad attendere, c’è sempre una novità: una volta scoperta non potrà più intimorire.

Sala del Gigante

FEELING
Interpretato da Marco Dalia
Coreografia Ludwig Ispiryan
Musica When She Came Back di Max Richter
Durata 3’30”

Le emozioni, i sentimenti che danno senso al trascorrere del nostro tempo. L’empatia, il desiderio, la passione che ogni essere umano prova verso chi riconosce con uno sguardo essere colei che gli fa vibrare l’anima. Sentimenti che hanno in noi vita propria e si manifestano per essere vissuti in piena consapevolezza.

Sala dei Carracci

Estratto da LEGO
Interpreti Hector Buddla e Noemi Arcangeli
Coreografia Giuseppe Spota
Musica Ezio Bosso
Durata 10’

Ponti, legami, strade da seguire. Donne, e uomini, alla ricerca di se stessi, dell’amore, dell’amicizia, della famiglia, della vita. Eventi che stabiliscono unioni, che si trasformano in altri eventi.
La necessità suprema e ineluttabile di camminare, di realizzare, mattone dopo mattone, la via da percorrere, per raccogliere quei tasselli senza i quali molti rapporti non sarebbero tali; come il disegno di una grande mappa, in cui strade e dedali si intersecano, si incontrano e scontrano, e indicano la direzione ed il movimento, creando relazioni casuali o volontarie. In questo andirivieni intricato è facile perdere l’orientamento…

MALAFEMMINA
Interpretata da Benedetta Terracciano
Coreografia Alessio Vanzini
Musica Malafemmina di Roberto Murolo
Durata 2’

Si aggira per strada con passo sicuro. È bella e sensuale. È il tipo di donna che ti lascia senza parole.

SOLIDAO
Interprete Giulia Candiotto
coreografia Simonetta Vaccara
musica Canção do mar di Frederico de Brito e Ferrer Trindade
durata 2’35”

Dedicato alla donna sensuale, provocante, vigorosa che impone con veemenza il suo potere seduttivo irretendo, come una maga tentatrice, l’oggetto del suo desiderio.

PALOMA
Interprete Rebecca Pantano
coreografia Sara Buratti e Simonetta Vaccara
musica Paloma di Gabriella Ferri
durata 2’32”

Paloma, la zingara che ruba i gioielli, è la donna che rompe gli schemi, che si appropria di ciò che non è suo, è colei che illude, seduce con l’inganno, la donna traditrice.

IL CORVO
Interpretato da Andrea Cristina Carbone e Fabio Martini
Coreografia Fabio Martini
Musica Il Corvo di Mina
Durata 3’09”

La donna succube di un amore malato: l’uomo è un corvo nero, un padrone; lei una sua proprietà, da usare e manipolare a suo piacimento, disponibile e devota in ogni suo gesto e azione. Un bacio o una carezza cancellano giorni di lacrime e di lividi e calpestano la sua dignità. Tra le rassicuranti mura domestiche il Corvo e la sua compagna trascorrono la loro quotidianità.

VASAME
Interprete Vittoria Markov
coreografia Simonetta Vaccara
musica Vasame di Enzo Gragnaniello
durata 3’03”

Ecco una donna che vive la profonda dicotomia della sua debolezza e della sua forza: la fragilità del lacerarsi per l’abbandono dell’amato e la determinazione con la quale si risolleva attraversando con fierezza il dolore.

DREAM
interprete Vanessa Guidolin
coreografia Simonetta Vaccara
musica The Crisis di Ennio Morricone
durata 2’36”

Dream è il sogno della donna romantica, la vita ideale fantasticata e al tempo stesso testardamente ricercata da una donna che fonde il suo essere spirituale e carnale in un essere unico contraddittorio e ineguagliabile.

ANIME DI TERRA
Interpreti Rebecca Pantano, Giulia Candiotto, Valentina Cacco, Elena Cecchetti
coreografia Simonetta Vaccara
musica Alla Finestra di Carmen Consoli
durata 3’20”

Le donne di Sicilia, che un tempo sposavano mariti imposti e sconosciuti, sono l’esempio di quelle donne che, come un dormiente vulcano, all’apparenza fragili e impotenti, contengono in sé una potenza ed una vitalità che unite alla loro intrinseca fierezza ed alla solidità delle loro radici, si sono unite spalla a spalla per affrontare il maschilismo imperante…e ancora continuano a combatterlo.

FELICITA’
Interpretata da Ludovica Ballarin, Diana Gulezen, Marta Taranta
Coreografia Alessio Vanzini
Musica Felicità di Lucio Dalla
Durata max 4’20”

In un lento batter di ciglia trovo il volto della felicità: l’emozione di un’istante mi pervade e poi se ne va.



PROGRAMMA PALAZZO POGGI

ore 19.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 
ore 21.15 Palazzo Poggi – via Zamboni 33 

 
Celebriamo la Giornata Internazionale della Danza con l’esaltazione della creatività e del talento italiano. La compagnia E.sperimenti Dance Company si è imposta sulla scena nazionale e internazionale grazie alle sue tournée in Francia, Germania, Portogallo, Russia, Giordania, Palestina, Stati Uniti, Brasile, Thailandia, Cina, Hong Kong, Malesia, Indonesia, Corea del Sud, e grazie ad uno spumeggiante ensamble dalle dinamiche più diverse e dagli stili più vari che spaziano dal breakin' al contemporaneo, dal modern al floorwork, dal teatrodanza all’acrobatica, esprimendo un linguaggio contaminato, coinvolgente, geniale, pronto al ‘sorriso’ in ogni sua espressione artistica.
Questo evento, che vuole anche esaltare la virtù creativa degli artisti emiliano romagnoli, vede la partecipazione introduttiva dello straordinario performer faentino Marco KIRA Cristoferi e della brillante coreografa reggiana Federica Galimberti, una dei tre coreografi della giovane compagnia che ha scelto, con una gestualità sagace, di divulgare l’opera lirica ad un pubblico di giovani e di portare all’estero, con la canzone italiana, la nostra italianità.


 
 
IL PESO DEL MONDO
Coreografia e Interpretazione Marco KIRA Cristoferi
Musica Ocean di Jhon Butler

L’esibizione di Kira partirà alle ore 19.05 e alle ore 20.05 da Palazzo Magnani in direzione di Palazzo Poggi, dove si concluderà la sua performance.

Il mondo, così grande, oggi così piccolo. Una palla tutta da girare, offrendo ad essa la nostra unicità e portandola con noi, sulle spalle, raccogliendo di lei ogni piccolo pezzo di esperienza e cultura vissuto sulla sua enorme superficie. Un puzzle di cui raccogliamo i pezzi dentro di noi, ricomponendoli e regalandoli in una nuova visione composita, armonizzata sul nostro essere rinnovato dall’esperienza.
Il mondo che è fuori di noi e il mondo che è dentro di noi è un mondo unico.

 
Cortile d’Ercole

E.SPERIMENTI DANCE COMPANY

Estratto da HOPERA - ore 19.15
Interpreti Filippo Braco, Mattia de Virgiliis, Andrea Ferrarini, Federica Galimberti, Eleonora Lippi, Stefano Otoyo, Silvia Pinna, Laura Ragni, Daniele Toti
Coreografie Mattia de Virgiliis, Francesco Di Luzio, Federica Galimberti
Musica G. Verdi, R. Leoncavallo, G. Rossini, G.F. Händel, W.A. Mozart
Durata 30'

Hopera è un viaggio poetico ed onirico nelle arie e melodie celebri del Bel Canto italiano ed europeo che, con raffinatezza ed ironia, vengono riportate all'oggi per farne apprezzare bellezza ed immortalità.
Le arie di Verdi, Leoncavallo, Rossini, Händel, Mozart sono esaltate dai coreografi Galimberti, Di Luzio e De Virgiliis attraverso un linguaggio elevato ma fruibile, contaminato da intrecci gestuali, nonsense ed un sagace pizzico di follia.
Sottile lo humor che accompagna la levità romantica e sentimentale dell'Opera e che trascina lo spettatore in suggestioni impalpabili e paradossali, facendo scaturire sorriso e divertimento e permettendo a tutti la fruizione inconsapevole di un patrimonio musicale di grande spessore.
Ancora una volta tradizione ed innovazione sono il binomio vincente che caratterizza l'elevata qualità della Compagnia.


Estratto da PER…INCISO - ore 21.15
Interpreti Filippo Braco, Mattia de Virgiliis, Andrea Ferrarini, Federica Galimberti, Eleonora Lippi, Stefano Otoyo, Silvia Pinna, Laura Ragni, Daniele Toti
Coreografie Mattia de Virgiliis, Francesco Di Luzio, Federica Galimberti
Musica cantautori italiani dagli anni '60 ad oggi
Durata 30'

La musica italiana dei cantautori e dei grandi interpreti fa da sfondo a questo frizzante, quanto coinvolgente lavoro, che spazia dagli anni '60 ai '90, zigzagando tra le melodie e le voci care al pubblico italiano (da Modugno a Guccini, da De Andrè a Gaber, da Capossela a Jovanotti) mettendo d’accordo, come sempre, generazioni diverse con vissuti ed emozioni analoghe. Uno strano personaggio senza tempo, talvolta si anima, dando al pubblico divagazioni e spunti di riflessione sul grande tema della Libertà, preziosa, quanto troppo 'scontata'. 7 i danzatori, un background contaminato che passa attraverso l’hip hop, il contemporaneo, il floorwork, sempre in linea con la cifra stilistica che li caratterizza: mettere d'accordo giovani e non più giovani, tradizione ed innovazione con un energetico linguaggio gestuale leggero e drammaturgicamente di contenuto, ma sempre con il sorriso dell'ironia.

 
 


Prezzi biglietti:

Posto Prezzo


Ti potrebbe anche interessare:

TorinoDanza Festival - Dance Me To The End Of Love - Ed.2018

Vai